martedì 17 gennaio 2012

42

Le frasi della vergogna dell'irresponsabile comandante Schettino


L'audio della pazzesca e drammatica telefonata tra il capitano Gregorio De Falco della Capitaneria di Livorno e l'irresponsabile comandante Francesco Schettino avvenuta poco dopo il naufragio della Costa Concordia al Giglio venerdì 13 gennaio 2012. Schettino prima ha causato il disastro, poi ha negato ed infine è scappato abbandonando la nave e non adempiendo ai doveri di comandante. Non aggiungo altro, è vergognoso... Ascoltate! 



Eh già... È proprio
il caso di dirlo...!



Resta aggiornato: iscriviti ai Feed di Sfrenzy Channel
parade

42 commenti:

Anonimo ha detto...

Assassino e delinquente. E ho appena sentito che gli hanno concesso gli arresti domiciliari. Vergogna, che schifo!!!

Tex ha detto...

Scandaloso, l'hanno appena mandato a casa il criminale!

LeNny ha detto...

Veramente... Rimango basito. L'avvocato ha richiesto gli arresti domiciliari e sono stati concessi... #vadaabordocazzo

Antonio ha detto...

Ma quanta gente bisogna ammazzare per farsi un paio di giorni di carcere?

LeNny ha detto...

@Antonio:

Bisognerebbe consultare qualcuno che conosca bene le leggi o meglio le leggi italiane. Questo essere non può restare a piede libero. Ma lo avete ascoltato per bene al telefono? Pazzesco!

Sergio ha detto...

Certo che la Costa Crociere non c'entra nulla. Questo testa di minchia ha fatto tutto da solo, a quanto pare ha disabilitato i controlli elettronici e fatto tutto manualmente. Quello che mi chiedo è questo: ma i colleghi attorno ed altri ufficiali non hanno detto/fatto nulla? Come cazzo è possibile?

LeNny ha detto...

@Sergio:

La compagnia prende le distanze da Schettino ma ne pagherà le conseguenze e chissà per quanto tempo. Carnival, proprietaria di Costa Crociere, ha perso il 23%. E non solo in borsa.

Entius ha detto...

Vergogna!!! Andrebbe preso a ginocchiate nelle gengive!!! Ma quale arresti domiciliari, io lo darei in pasto ai parenti delle vittime questa testa di cazzo.

Sergio ha detto...

A ginocchiate prenderei anche lo stesso avvocato e il giudice che ne ha dato l'autorizzazione.

Anonimo ha detto...

E' incredibile a quali pezzi di merda siamo in mano quando saltiamo su una nave o un aereo o un treno. ORA DEVE PAGARE CON LA GALERA A VITA E SENZA DISCUSSIONE!!!

Zio Scriba ha detto...

Forse è anche una questione di accento sulla "a" sbagliata: in realtà non è un Capitàno, ma una delle tante persone che in italiA càpitano, chissà come e chissà perché, nei posti che non meritano e non gli competono... :-(

Jimmy75 ha detto...

È roba da pazzi: secondo il Gip non esistono i presupposti per arrestare il comandante che è tornato beatamente a casa. Anche questo giudice devono rinchiuderlo in prigione. Sarà il solito processo all'italiana. Poveracci noi!!!

Vincenzo Iacoponi ha detto...

A parte l'enormità della tragedia, due cose mi hanno impressionato: la prima sentire la vocina "da bambino fessacchiotto" di Schettino che risponde a bassa voce a De Falco, che si incazza e gli urla di alzare la voce; la seconda l'imbarazzo di un comandante in divisa da capitano di vascello (colonnello dell'esercito in poche parole), che non è capace di dire come vadano chiamati certi comportamenti.
Cosa dire? Schettino -non me la sento di chiamarlo comandante o capitano- era in preda ad una forma di follia da panico, dovuta alla coscienza di avere perduto il posto e distrutto la carriera, ma non ha le palle per rispondere almeno correttamente a chi lo sta strapazzando come una recluta incompetente. Come hanno potuto affidare un capitale enorme come la Concordia a un uomo simile. Questa, secondo me, la colpa della Compagnia Costa.
I signori della Marina, militare o mercantile, non hanno il coraggio civile di dire che un comandante rimane a bordo della "sua" nave fino a che l'ultimo dei passeggeri e degli uomini del suo equipaggio sono a bordo, poi sale sulla scialuppa.
Una volta il comandante affondava con la "sua" nave. Oggi non più.
Il comandante del Titanic è rimasto a bordo ed è colato a picco con la nave, Schettino è andato a casa.
L'onore? Una parola, dice Falstaff e si lascia tranquillamente gabbare.

Absinto ha detto...

Da mettere in carcere e buttare via la chiave.

Gigi ha detto...

No Absinto è riduttivo... questo criminale schifoso deve affondare subito con la sua nave.

Questa tragedia sta diventando un fenomeno globale dei blogger e a coloro, fortunatamente ne leggo pochi in giro per la rete, che lo difendono dico: siete più viscidi di questo verme ancora vivo e in circolazione.

Anonimo ha detto...

COSTA MINCHIA, mi sembra giusto. :)

Anonimo ha detto...

MA SE TUTTI I DELINQUENTI SI FACESSERO GLI ARRESTI DOMICILIARI ALLORA STIAMO APPOSTO..............E VERGOGNOSO QUELLO KE STA SUCCEDENDO SIAMO IN ITALIA VERGOGNATEVI!!!!!!!!!!!!!!!QSTA E LA POLITIKA ECCO COME VA AVNTI QSTO MONDO PIENA DI GENTE BASTARDA INFAME E COGLIONA DEVE PAGARE DEVE PAGARE PER TUTTO QLLO KE E ACCADUTO PER TUTTE QLLE VITTIME KE SONO MORTE E QLLE KE CI METTERANNO TEMPO PER RIPRENDERSI VISTI I DANNI KE GLI SO STATI FATTI ALTRO KE VACANZA...............QUI ANKE UN APPELLO AL CARO MONTI KE STA KON LE MANI IN MANO INVECE DI ANDA NELLE TASCHE DEGLI ITALIANI PROVEDESSE A QSTI CITTADINI.............KESKIFO COMANDANTE SEI UNO SKIANTO KE BELLEZZA ABBANDONARE IL COMANDO................LA PENA DI MORTE!!!!!!!!!!!!!!!!

Vincenzo Iacoponi ha detto...

Gente, i danni che questo buffone criminale ha causato sono irreparabili: una nave che vale miliardi di euro perduta; almeno 33 morti, perché quelli che mancano galleggiano nella stiva e nei corridoi del transatlantico; i superstiti che non si toglieranno facilmente questo incubo dalla testa. Uno psichiatra potrebbe spiegare cosa succede subito e dopo, sfortunatamente anche dopo questa gente è in pericolo di perdere il lume della ragione.
Quindi nemmeno con l'ergastolo Schettino potrebbe pagare il malfatto.
Se fosse un uomo, ma ha dimostrato di non esserlo, se fosse un uomo dicevo si sparerebbe una rivolverata in testa e buona notte.
Risparmierebbero gli italiani di doverlo mantenere in galera per anni e anni.

Tex ha detto...

Ecco come la rete ha trasformato la telefonata sdrammatizzando quanto di terribile è accaduto. Ascoltate la nuova telefonata "Il Capitano Schettino a rapporto dal Sergente istruttore Hartman (dal film Full Metal Jacket)". COPIA E INCOLLA IL LINK: http://www.youtube.com/watch?v=jIakAawr1mA

Ciao. :D

LeNny ha detto...

@Tex:

Il link è stato rimosso... Soliti misteri di YouTube.
Eccone un altro valido: http://t.co/LBDJzbh8

Fin quando dura... Ciao. :)

Absinto ha detto...

Potrei essere tornato al mio vecchio regime di almeno 2-3 post alla settimana, almeno, ci provo!

Ciao bello!

LeNny ha detto...

Grande Absinto, stasera passo a suonarti il campanello. :)

Ciao.

LeNny ha detto...

Schettino sospeso: la compagnia di navigazione si dichiara parte offesa e lascia il comandante senza tutela legale.

arrgianf ha detto...

Io vorrei capire perchè tutti i mass media hanno concentrato le informazioni su questa tragedia e distraggono l'opinione pubblica da quello che sta succedendo in Sicilia... come al solito trovano la tragedia perfetta per evitare certi argomenti scomodi! Adesso, come è successo per Sarah Scazzi e per Yara, avremo per i prossimi anni interi tg e trasmissioni pieni di questa cosa e niente su altre notizie più doverose.
Scusami Sfrenzy ma il Tg5 dopo 4 giorni ha parlato del movimento dei forconi... non è giusto!!!

Anonimo ha detto...

Cari Napoletani sono anche io del sud ma gentaglia come Schettino mi fa ribrezzo schifo e mi fa vergognare di essere
italiano .Quindi non difendetelo altrimenti siete o diventate come lui chiaro.....

Vincenzo Iacoponi ha detto...

È ancora tutto da chiarire il ruolo della Compagnia Costa in questa tragedia. Cosa si sono detti Schettino e Ferrarino subito dopo l'impatto? Quali sono state le direttive della Compagnia? Si sa che gli armatori badano ai costi e non alle vittime, badano alla facciata un po' meno di quello che dovrebbero spendere.
Ho paura che ci sia una correità. D'altra parte il ritiro della Costa dalla difesa del comandante me lo prova: adesso gli danno addosso e lo scaricano.
Vedremo al processo, ma Schettino non ha deciso tutto da solo, a parte la manovra di accostamento assassina e cretina, e poi in plancia non c'erano anche il secondo e il terzo ufficiale?
Tutti sprofondati nella merda insieme a Schettino? Ma che razza di ufficiali erano?

Vincenzo Iacoponi ha detto...

Mi viene da fare una considerazione, l'ultima poi basta perché altrimenti sta storia diventa una telenovela. Non capisco una cosa: tutti gli aerei in volo sono costantemente monitorati; chi possiede un cellulare, il 99,9%della gente viene seguito passo passo; cosa facevano alla Capitaneria di porto di Livorno? Non ce l'avevano la Concordia sui loro monitor? Non si sono accorti che si avvicinava alla scogliera? Com'è che non sono intervenuti? E il comandante Di Falco che faceva? Stava preparando per caso il copione della sua telefonata a Schettino? Sapeva che sarebbe di lì a poco diventato famoso in tutto il mondo come un divo di Holliwood?

LeNny ha detto...

@Enzo:

Ogni ora ci sono novità a riguardo di questa brutta faccenda ma secondo me la Capitaneria di Livorno ha fatto molto. Sono loro che subito alle 22:07 sono intervenuti ed hanno iniziato a mandare i primi soccorsi. Leggiti questo estratto del capitano De Falco:

"Vi posso chiedere un favore? Dimenticatevi di me. Smettete di parlare di me. L'eroe non sono io". Eppure, l'intuizione che sulla Concordia stava succedendo qualcosa... "L'intuizione? L'eroe è il mio sottocapo Alessandro Tosi, è lui che ha capito tutto quella notte. È lui che alle 22,07 guardando un puntino verde su un monitor senza sapere nulla che non fosse una telefonata dai carabinieri di Prato mi ha detto, "comandante, quella nave da crociera va troppo piano, 6 nodi... che ci fa a 6 nodi e a rotta invertita la Concordia? Comandante, chiamiamoli. Lì c'è un guaio". Capite chi è l'eroe?". Sì ma... "Sì ma niente. Un altro eroe? Sapete chi ha salvato quasi tutte le persone quella notte dopo che il comandante aveva abbandonato la nave? Un ragazzo meraviglioso del nostro elisoccorso. Marco Savastano. È questo il nome che dovete scrivere. E dovreste fare una pagina di soli nomi di marinai della Guardia costiera, della Marina militare, della Finanza, dei carabinieri, dei vigili del fuoco, della Protezione civile, che quella notte hanno dimenticato se stessi per gli altri. Savastano, dicevo. Lo hanno calato su quella nave al buio, con una muta invernale e un palmare, non una radio, non un filo con noi. Si è buttato a capofitto lì dentro senza pensare alla sua vita ma a quella di chi cercava di salvare. Si muoveva in un ambiente che non conosceva, tra suppellettili sfasciate, acqua, passeggeri che gridavano al buio. Chi è l'eroe? Io che strillavo con Schettino o lui, che ascoltava le urla di supplica di quelli che volevano essere salvati e non capivano perché perdeva tempo ad imbracare alle barelle spinali i feriti più gravi da tirare su con l'elisoccorso?".

Eccoti il link dell'articolo completo: http://www.repubblica.it/cronaca/2012/01/18/news/parla_de_falco-28339340/index.html?ref=search


Buona serata. :)

LeNny ha detto...

Leggi: Costa Concordia: un robot potrebbe evitare simili disastri

Vincenzo Iacoponi ha detto...

Questa non la sapevo perché la TV di stato e privata non ne hanno parlato o perlomeno non l'ho sentito io. Savastano? Non mi sembra che questo nome sia uscito mai fuori. So del vice sindaco di Giglio porto che è salito su quella nave per portare e organizzare soccorsi; so di un fantomatico capitano di nave in vacanza o cosa cavolo fosse che ha diretto, ha fatto, ha detto non si capisce più una beata minchia in questo gran casino, quel che è vero e quello che è inventato. In queste situazioni i mitomani e contaballe proliferano in gran copia.
Ci sarà un processo, speriamo in poco tempo anche se bisogna prima aspettare che il relitto venga rialzato e trainato in un porto dove possa essere o riparato o demolito. Sarebbe bello poterlo riparare e rimetterlo in mare, ma si sa che la compagnia madre -americana, la Carrigal o come cavolo si chiama- baderá naturalmente ai costi e sceglierà la soluzione meno dolorosa nel senso.
Leggerò con attenzione la storia del robot che potrebbe in futuro eccetera.
Ciao, fratellino, e buona domenica, soprattutto questa sera :)))
Ciao.

Vincenzo Iacoponi ha detto...

Ho letto: fantastico!
Spero che le Compagnie dopo questo disastro si adeguino e diano agli scafi delle loro cita galleggianti la protezione che passeggeri ed equipaggi meritano, perché quella che dovrebbe essere una gioiosa vacanza, per alcuni la prima della loro vita, non si trasformi in una tragedia.
Costi quel che costi, non potrà mai costare tanto cara quanto le vite dei probabili 32 morti del Concordia, e penso a tutti, uomini e donne, giovani e vecchi, ma soprattutto a quella creatura di 5 anni, che sorride ormai solo dalle foto che ci ha fatto vedere sua madre.

Absinto ha detto...

Ciao bello! T'ho risposto dalle mie parti, col nuovo sistema di risposta non ho idea se ti arrivi una notifica o meno da qualche parte!

LeNny ha detto...

@Absinto:

Uella. :) Ho visto e risposto, grazie. Anche con il nuovo sistema dei commenti le notifiche arrivano ugualmente. Il nuovo sistema di risposta l'ho disabilitato perché ci sono ancora grosse incompatibilità con il browser IE (che nessuno dovrebbe più usare!!!) e certe mie personalizzazioni non funzionano. Quindi per ora resto al sistema vecchio, sempre funzionale. :)

Ciao.

arrgianf ha detto...

http://ilblogdeglistudenti.blogspot.com/2012/01/il-movimento-dei-forconi-e-la.html sfrenzy vuoi parlare anche della rivoluzione siciliana??? Qui hai qualche idea di partenza.

LeNny ha detto...

@Gianf:

Guarda, ne ho discusso parecchio su Twitter in questi giorni... È un'altra vergogna, i nostri media non fanno vedere nulla. Informazioni e materiale sono reperibili sono in rete. Cosa vuoi che ti dica: questo sistema fa schifo!

Ora leggo il tuo articolo e se vuoi pubblicare qualcosa, anche il mio spazio è a disposizione. Ciao. :)

Vincenzo Iacoponi ha detto...

Sì è una vergogna non averci detto bene un cavolo di niente di quel che stava capitando in Sicilia.
Poi sulle liberalizzazioni come mai adesso sono tutti d'accordo e prima ogni volta che ne parlavano Prodi oppure Berlusconi succedeva la fine del mondo? E non mi si venga a dire che questo è un governo tecnico, perché è un governo politico quello che cambia le regole del gioco, cioè di tanti giochi ma non di quelli che contano veramente. Un governo dove più della metà dei ministri sono impegolati con le banche, che non mette mano al casino che c'è nelle nostre banche non è nemmeno un governo politico, ma un governo politico che gioca scorretto, sporco insomma.
Staremo a vedere, ma mi cruccio già molto fin da adesso.

LeNny ha detto...

Non ci voleva una scienza per capirlo...

"Inchini al Giglio nelle ultime 3 crociere", gli ufficiali incastrano Schettino e Costa.

Continua la lettura qui: http://www.repubblica.it/cronaca/2012/01/23/news/costa_ufficiali_schettino-28599339/?ref=HRER3-1

arrgianf ha detto...

Grazie Lenny, ma già che se ne parla nei commenti qui va benissimo; ringrazio Vincenzo per aver alimentato i commenti. Potresti fare un post brevissimo e magari tutti a commentare li. Non saprei cosa scrivere, ho già tutto messo nel mio post, ci ho impiegato tutta la giornata di ieri.

LeNny ha detto...

@Gianf:

Dai un'occhiata qui (e non solo tu): Pino Aprile spiega le origini del movimento dei Forconi

Ciao. :)

arrgianf ha detto...

Letto, grazie tantissimo, anche io avevo linkato uno degli interventi di Pino Aprile.
Comunque non ho ancora parlato di questa tragedia della Nave Concordia, dico solo che la colpa secondo me non è solo di Schettino.

Anonimo ha detto...

Che tristezza noi popolo padano essere accomunati ad un tipo del genere semplicemente perchè italiani.
Sarebbe opportuno valutare al più presto la possibilità di una "secessione" pacifica dall'Italia. Ci darebbe quella dignità che questa gente ci toglie ogni giorno. Siamo derisi da tutto il mondo e additati come codardi. Da Nobile a Schettino passando per gli uomini politici. Se non lo avete capito lo spiego di nuovo: Non vogliamo piu far parte di questa repubblica chiamata Italia. Il grande statista tedesco Metternich, ha affermato che l'Italia è solo "una espressione geografica" , non un popolo. Mai affermazione fu più azzeccata. In ogni caso tutta questa vicenda scaverà un solco ancora maggiore tra nord e sud. Che peccato !!!!!!!!!

LeNny ha detto...

Poesia: Il Prode Schettino.

:D

SCRIVI UN TUO COMMENTO

Ti potrebbero anche interessare:


MI TROVI ANCHE SU

My Ping in TotalPing.com
Aggregatore
registrazione sito