giovedì 24 giugno 2010

19

Aggressione di Capodanno a Lugano: condannato il giovane kosovaro


Reto Medici, giudice dei minorenni, ha condannato a 360 giorni di carcere, sospesi con la condizionale, il 17enne che la notte di Capodanno aggredì e picchiò brutalmente un giovane ventenne americano in Via Motta a Lugano. Il giovane, originario del Kosovo e residente nel Luganese, è stato condannato per tentato omicidio intenzionale, omissione di soccorso e ripetuta contravvenzione alla legge di stupefacenti. Fu arrestato l'8 gennaio 2010 grazie alle videocamere di sorveglianza dell'albergo Dante (GUARDA IL VIDEO) ed è rimasto in carcere fino al 22 marzo, quando è stato collacato in un centro di rieducazione dove vi rimarrà fino al totale raggiungimento degli obiettivi di recupero sociale.

Cosa ne pensate della pena inflitta dal magistrato ticinese e dai provvedimenti presi verso l'aggressore?

Resta aggiornato: iscriviti ai Feed di Sfrenzy Channel
parade

19 commenti:

Kermit ha detto...

Concordo parzialmente con la pena e il provvedimento che il magistrato ha inflitto al giovane:
1)Ha fatto due mesi di carcere e questo ha certamente fatto capire al ragazzo che è meglio vivere in libertà;
2) Ora è in un centro di rieducazione che sicuramente porterà i suoi frutti e ci si augura possa far "inquadrare" definitivamente il giovane;
3) Era ancora minorenne e comunque nell'adolescenza: una "scazzotata o bravata" (anche se in questo caso è certamente molto brutale) ci può stare;
4) Sono dell'opinione che bisogna dare una seconda possibilità a tutti, specialmente se si vede l'opportunità di poter migliorare ed imparare dagli errori commessi;
5) Tutto questo non giustifica il suo comportamento e tenuto conto della gravità del fatto sarebbe interessante sapere quanti giorni/anni di condizionale ha inflitto il magistrato al giovane. Se la stessa fosse pari ai giorni dell'eventuale detenzione (e cioè 360, come indicato nell'articolo) credo sarebbe troppo corta. Secondo me, visto la giovane età, un lungo periodo dove non poter "sgarrare" è la miglior "cura" e quindi la condizionale di 3 o addirittura 5 anni darebbe certamente degli ottimi risultati.

Ottima giornata a TUTTI, Kermit.

Anonimo ha detto...

mona kermitt, quel porco bastardo dovrebbe essere picchiato a sangue come gli piace fare a lui

Jimmy75 ha detto...

360 giorni con la condizionale? Collocato in un centro di rieducazione? Cazzate.
Questo animale va rinchiuso in una cella buia, 3 metri per 2 e pestato tutti i giorni per 5 anni. Quando esce sarà sicuramente un uomo migliore!

Buuona giornata.

Jimmy75

Anonimo ha detto...

Sta diventando la casa dei disadattati. Dobbiamo subire le loro porcherie fuori legge e poi curarli e mantenerli. Fuori dalle palle, RAUS e tanti saluti.
Fate i delinquenti a casa vostra.

Kermit ha detto...

Beh, caro Anonimo,
non ho detto che non meriterebbe una bella mazzolata..., ma sono anche dell'opinione che la soluzione non sia solo dargliene una pelle, ma bensì se ci fosse la possibilità del recupero sarebbe comunque la miglior soluzione.
Bastonarlo e basta comporterebbe che una volta fuori continuerà a fare ciò che ha già fatto e credo non sia una soluzione.

Zio Scriba ha detto...

La mia posizione di non violento sulla violenza e sui violenti è notoriamente paradossale: penso che i violenti siano talmente merde, ma talmente merde che... andrebbero cancellati violentemente dal mondo.
(ovviamente la mia è una provocazione, non interpretatela come un essere favorevole alla pena capitale o simili cazzate: sono da sempre contrarissimo, primo perché la giustizia non esiste, e troppi innocenti poveri cristi finirebbero male, e poi perché la considero una schifosa barbarie paleobiblica. Molto meglio essere ragionevoli e civili come il grande kermit, anche se a volte l'impulso ci porterebbe in direzioni contrarie, di cui poi ci pentiremmo...)

Kermit ha detto...

Grazie Zio Scriba per i complimenti, anche se devo dire che approvo il secondo post di "Anonimo".
Chi si comporta in questo modo totalmente incivile meriterebbe di essere espulso immediatamente, ma chi non ha mai commesso degli errori nella propria vita (anche se certamente di gravità inferiore)?!!!. Quindi trovo anche giusto che gli si possa dare una seconda possibilità, ma che sia ben chiaro: solo un'altra!!!

Vincenzo ha detto...

SOno scioccato da queste punizione ridicola! 360 giorni, cioè un anno solo di carcere per un delinquente del genere? E' proprio vero che la giustizia non esiste...

Solo a vedere il video io gli avrei dato almeno 5 anni di carcere a sto qui...

Alessandro ha detto...

X Kermit:

Perché dobbiamo dargli una seconda possibilità, pagarlo e mantenerlo a nostre spese per recuperarlo? Non ne abbiamo già abbastanza dei nostri? Queste persone le paghiamo noi con le tasse e tanta gente svizzera ed onesta fa fatica ad arrivare alla fine del mese perché ci sono tanti altri problemi da risolvere. PRIMA aiutiamo e manteniamo loro, poi se ne avanza aiutiamo tutti gli altri. È ora di finirla con questo buonismo. In una situazione contraria cosa sarebbe successo? Te lo dico io: sarebbe stato immediatamente rimandato al mittente. Che tornino al loro paese a pestare la gente selvaggiamente e da vigliacchi, qui non è posto per loro.

Complimenti per alcuni argomenti trattati nel blog. Vi seguo da un pò di tempo.

Ciao.

Ale.

LeNny ha detto...

Ciao Alessandro. :)

Il tuo ragionamento non fa una piega per certi versi... Difficile darti torto. :)

Ciao.

Anonimo ha detto...

non c'è nulla da recuperare lì, e poi farlo uscire per mandarlo dove? la sporcizia la si elimina, non la si nasconde sotto il tappeto. Se questo tizio avesse saputo che in giro poteva fare qualche brutto incontro, di onesti cittadini o pattuglie di regolari, decisi a suonargliele, forse ci avrebbe pensato due volte, invece questi sanno che alla fine gli si da un buffetto e poi sono liberi di picchiare ancora.

Kermit ha detto...

Alessandro e Anonimo...
è tutto vero ciò che affermate, non lo nego, ma il sottoscritto nella propria vita ha sbagliato (non ho pestato e neppure ucciso nessuno, che sia ben chiaro!!!), però essendo italiano, figlio di emigranti in Svizzera, ho rischiato l'espulsione!
Per fortuna non mi è stata data, ma bensì ho avuto l'opportunità di tirarmi in quadro e, ringraziando il cielo, ce l'ho fatta.
Ora ho 40 anni, sono felicemente sposato ed ho un bimbo che compirà i 4 anni a novembre, ho un lavoro e sinceramente mi spacco il culo... ma sono felice (oh Dio, felice è una parola grossa... comunque contento di come sono riuscito a cambiare la mia vita).
Ebbene, se non avessi avuto questa SECONDA possibilità, non sò proprio dove sarei..
magari ora capite un po' meglio il mio punto di vista.

Ciao e ottima continuazione a tutti.

Kermit

LeNny ha detto...

Kermit, sono situazioni differenti, molto differenti e lo sai bene. :)

Kermit ha detto...

E' vero carissimo LeNny... lo so', ma è comunque una "seconda possibilità".

Ciao, Director, vado in vacanza... a presto.

Kermit

Anonimo ha detto...

Qui la giustizia ( che praticamente è inesistente) dovrebbe essere come quella americana,
25 anni di carcere subito!!!
Lo metterei con viveri al minimo e senza comodità poi espulsione immediata.
E non gli permetterei nemmeno di respirare la nostra aria.
Gentaglia come quel teppistello (anche se minorenne) va punita con pene severe.

Anonimo ha detto...

Recupero questo articolo, così commentandolo:

la questione non è la pena, o la recidiva sugli stupefacenti, o che ha combinato una ragazzata.
Il punto critico è l'aggressione fisica verso altra persona, e la brutalità dell'esecuzione. Il fatto criminoso in sè, dipende dall'animo con il quale si pone in essere la propria azione; e.g. uno schiaffo è semplice percossa e dunque meno grave, ma valutato come violazione dell'integrità fisica - mentre le lesioni personali sono il provocare un danno fisico o psicologico, e sono giudicate con maggior rigore (un paio di sberle al nostro avversario possono partire, un paio di cazzotti - ma nel reciproco dai e prendi, mentre qui il ragazzo era a terra e l'altro infieriva).

Questo ragazzo non è in grado ci concepire le sue azioni compiutamente, e mi pare materia da psichiatra più che di giustizia.
Che debba pagare per quello che ha fatto, non ci scappa. Ma necessita di una terapia, perchè la violenza "gusto forte" come piace a questo non nasce dal nulla.

Ovviamente le nostre leggi devono essere aggiornate, ci sono nuovi orientamenti e proposte.
Ormai non si può più fare i buonisti od i bravi moralisti. Agire e subito.

LeNny ha detto...

@Anonimo:

Ciao e grazie del tuo intervento. :)
Sono d'accordo su quanto sostieni e mi auguro che le cose possano cambiare alla svelta.

La prossima volta, se hai piacere, firmati così possiamo riconoscerti in futuro. Tnx. :P

Ciao. :)

Anonimo ha detto...

Ma parlate tanto di stranieri!! Non è che voi ticinesi siete migliori..il problema è che quando succede a una persona nata in Ticino i fatti s nascondono. Mentre se è straniero si è pronti a sputare MERDA sugli altri. Questo è RAZZISMO PURO GENTE.
Ma andate a fanculo tutti quanti!!
Sfigati!!!

LeNny ha detto...

@Anonimo:

Complimenti per il linguaggio. Una perla... Ora sei meno sfigato!!!

SCRIVI UN TUO COMMENTO

Ti potrebbero anche interessare:


MI TROVI ANCHE SU

My Ping in TotalPing.com
Aggregatore
registrazione sito